Riaprono Al Pubblico Le Piccole Terme E Gli Hospitalia Di Villa Adriana

Villa Adriana pronta a mostrare al mondo i suoi angoli più preziosi

Dopo quasi dieci anni è possibile di nuovo visitare le “Piccole Terme” e gli “Hospitalia” di Villa Adriana. Grazie infatti a dei lavori di restauro finanziati dal Segretariato Regionale del Lazio, infatti, l’Istituto delle Villae ha potuto consolidare le murature, pulire le superfici pittoriche e pavimentali e rinnovare le coperture con materiali innovativi delle Piccole Terme.

Per quanto riguarda gli Hospitalia, invece, i lavori di restauro hanno riguardato attività di pulitura, restauro e bonifica dell’intelaiatura in ferro dei vecchi interventi.

Le Piccole Terme e gli Hospitalia

Hospitalia

Gli Hospitalia erano un edificio destinato a personale di medio rango, al seguito della corte, noto soprattutto per i mosaici pavimentali a tessere bianche e nere che formano decorazioni di tipo geometrico e floreale.

Le Piccole Terme di Villa Adriana

Se si sente il nome Piccole Terme si potrebbe pensare a qualcosa di umile, poco sfarzoso. Tutt’altro. A differenza delle Grandi Terme, che potevano ospitare all’incirca 2000 persone, le Piccole Terme erano molto probabilmente un luogo destinato all’Imperatore e pochi altri suoi fidati, di medio alto rango.

Piccole Terme e Grandi Terme: le differenze

La differenza la si coglie proprio nelle decorazioni che potrete ammirare se andate a visitare la Villa di Adriano.
Le Grandi Terme, destinate ai servi e ad i soldati, presentano i classici mosaici a tessere nere e bianche tipiche di uno spazio destinato a classi inferiori.

Le Piccole Terme, invece, rappresentano uno degli edifici più lussuosi dell’intera Villa Adriana.
Numerose e varie decorazioni marmoree e una notevole ricchezza di soluzioni architettoniche nella pianta dei diversi ambienti.

Una piccola curiosità sulle Grandi Terme

Una piccola curiosità: secondo l’architetta Eugenia Salza Prina Ricotti il progetto iniziale di questo luogo fu modificato per essere coerente con l’editto di Adriano che prevedeva di avere delle terme separate per i due sessi. A questo scopo, forse, sarebbe servito un corridoio semicircolare che collegava tre stanze a tre piccoli locali: due tepidarium e un calidarium.

Foto dal sito dell’Istituto delle Villae

Che ne pensi?

1 Point
Upvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

bombardamenti aerei su tivoli 26 maggio 1944

26 maggio 1944. Bombardamenti aerei su Tivoli

antonio mario radmilli

La Generosità Dei Tiburtini Rese Possibile Un’Importante Scoperta Archeologica. Quale?