26 maggio 1944. Bombardamenti aerei su Tivoli

bombardamenti aerei su tivoli 26 maggio 1944

Oggi 26 maggio 2021 è il 77esimo anniversario dei bombardamenti aerei su Tivoli. Qui in questo articolo proviamo a raccontare quella triste giornata.

25 maggio 1944 vs. 26 maggio 1944

Tivoli sotto occupazione tedesca

Era la primavera del 1944. Tivoli era sotto occupazione tedesca. I tiburtini non vedevano l’ora di tornare ad essere liberi, per cui riposero molta fiducia sulle truppe alleate che, secondo le notizie, sarebbero arrivate a breve per liberare la città di Tivoli.
La mattina del 26 maggio i tiburtini videro apparire, poco prima delle 10, delle figure nere nel cielo, che erano dirette verso di loro.
Il destino della città, e anche la sua conformazione urbanistica, stava per cambiare per sempre.

L’arrivo degli aerei alleati

Le figure nere che volavano verso Tivoli erano gli aerei delle truppe alleate, quadrimotori B-24, pronti a sganciare decine di bombe sulla città. C’erano già stati dei piccoli raid, ma non avevano mai fatto vittime e i danni agli edifici furono veramente molto bassi. Ma questa volta era diverso. Questi B-24 avevano già dimostrato tutta la loro potenza nel bombardamento del quartiere San Lorenzo di Roma.

L’inizio dei bombardamenti su Tivoli

Il primo squadrone sganciò le sue bombe su Tivoli alle 9.50 del 26 maggio 1944. Il secondo, appena dopo 15/30 minuti, colpì anche i soccorritori che erano accorsi per portare aiuto alle vittime del primo bombardamento.

Le azioni militari del 26 maggio 1944 provocarono la morte di 450 persone. Fu colpito quasi il 40% degli edifici civili, compreso il Convitto Nazionale “Amedeo di Savoia”. Qui forse avvenne una delle storie più tristi di quella giornata.

I bombardamenti sul Convitto Nazionale

Durante l’occupazione, infatti, il Convitto era stato adibito ad ospedale militare.
Non solo. Nel Convitto avveniva anche la distribuzione giornaliera di cibo. Tutte le mattine infatti molti bambini si mettevano in fila con la loro tessera punti. Questa tessera permetteva loro di avere la loro razione di cibo. Anche quella mattina erano lì, purtroppo inconsapevoli di ciò che stava per avvenire.
Una delle prime bombe lanciate colpì in pieno il Convitto Nazionale, provocando una strage.  
Feriti, personale medico, bambini, civili.

Convitto Nazionale bombardato

Le conseguenze dei bombardamenti

Su una popolazione di circa 20.000 tiburtini, coloro che persero la vita quel giorno furono 450. Il 2,25% in un solo giorno!

Una delle pagine più tristi della storia tiburtina.

Che ne pensi?

4 Points
Upvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

senatori romani tivoli (1)-min

Quei Pochi Senatori Romani Che Salvarono Tivoli Dalla Distruzione

piccole terme

Riaprono Al Pubblico Le Piccole Terme E Gli Hospitalia Di Villa Adriana